martedì 7 aprile 2009

Il Decalogo del Dinomaniaco


Istigato indirettamemente da un recente post di Geomythology, ho deciso di fare una veloce escursione nel nebuloso mondo dei dinomaniaci disseminati nella rete. Leggendo le loro (terrificanti) discussioni, i toni ed i modi dei loro (terrificanti) argomenti, ho ricavato una lista di 10 Comandamenti, un Decalogo del Dinomaniaco moderno, perché come ogni religione che si rispetti, anche la Dinomania ha i suoi precetti e tabù.

I - I Fossili sono Esseri Viventi, e come tali vanno visti.

II - Non avrai altra fonte all’infuori della Rete.

III - Onora Jurassic Park ed il Mondo Perduto.

IV - Non ti curerai dei dati e delle fonti scientifiche, tranne quando andranno contro i 10 Comandamenti.

V - Non ti servirai della matematica e della fisica, tranne quando dovrai parlare del dinosauro più grosso, più lungo o più veloce.

VI - Ti farai degli idoli iconografici e li venererai contro ogni evidenza.

VII - Jack Horner è Satana quando parla di Tyrannosaurus, ma è un Santo quando parla di altro.

VIII - Non desiderare di leggere direttamente un articolo scientifico, ma lascia ad un Sacerdote devoto a Dinomania il compito di insegnarti la buona novella.

IX - Abbonda nelle analogie con i mammiferi attuali, e disprezza le omologie con gli uccelli.

X - La Tua Opinione è sacra ed intoccabile, giusta e meritevole di essere ascoltata, anche quando è palesemente scorretta, evidentemente obsoleta, ignorante dei dati e metodologicamente insostenibile.

Mi auguro che qualche devoto dinomaniaco legga questo post e si irriti per l’irriverenza che dimostro verso la sua amata Fede Dinomaniaca.

19 commenti:

  1. Rimando al mio commento su THEROPODA all'indirizzo
    http://theropoda.blogspot.com/2009/04/i-resti-di-epanterias-cope-1878-ed-il.html?showComment=1239180840000#c8916980096156530929

    su tali problematiche.

    Leo

    RispondiElimina
  2. Un Dinomaniaco27 aprile 2009 21:13

    Se non fosse per i dinomaniaci, la paleontologia sarebbe morta. Dovreste ringraziare ogni santo giorno che esista un Jurassic Prk che ha portato tante persone ad avvicinarsi alla materia...

    RispondiElimina
  3. Anonimo Dinomaniaco,

    nelle tue parole c'è la conferma del motivo per cui ho scritto questo post.

    Davvero credi che "la paleontologia sarebbe morta" senza la mania dinosauresca?
    La paleontologia è una disciplina scientifica, ed esiste fintanto che qualcuno fa ricerca scientifica. I "dinomaniaci" non fanno ricerca, ma solamente assumono passivamente (e in modo grossolano) una parte minoritaria della ricerca paleontologica. I dinomaniaci morirebbero senza paleontologia, non il contrario.
    Ad ogni modo, la paleontologia non è mai stata così viva e attiva come in questi ultimi 10 anni, e non mi risulta che negli ultimi 10 anni ci sia stato un Jurassic Park (il terzo capitolo della trilogia cinematografica, del 2001, è stato così insignificante che non si può certo dargli il merito di aver spronato la ricerca paleontologica). La paleontologia non muore o vive per un film o un libro. Ovviamente, i dinomaniaci, devoti religiosamente a Jurassic Park, credono il contrario.

    Perché scrivi "dovreste"? Mi dai del voi? Chi altro citi? Hai già trasformato la mia opinione in una categoria? Parli a tutti i paleontologi? Ad ogni modo, a differenza di quello che credi tu, Jurassic Park non ha avvicinato le persone alla materia, esattamente come ER non ha avvicinato le persone alla medicina, o Star Trek all'astronomia, o i Puffi alla storia medievale. Non confondere una moda di massa indotta da una sapiente operazione di mercato editoriale e cinematografico con la vera passione paleontologica. Non invertire cause ed effetti. La grandissima maggioranza dei milioni di appassionati di finti dinosauri di celluloide non sono diventati paleontologi. Non confondere una minoranza marginale con la maggioranza delle persone.
    In ogni caso, Jurassic Park ha portato soldi a chi ha lavorato in quel progetto (tra cui alcuni paleontologici consulenti), ma ciò non ha alcun valore "salvifico" per la paleontologia.

    Ma, sopratutto, confondere, come fai tu, la dinomania con la paleontologia, al punto da credere che i primi siano i "salvatori" della seconda, è un'arrogante falsità: cosa centra la dinomania con la stratigrafia, la tafonomia, la micropaleontologia, la paleontologia degli invertebrati, la paleontologia del Paleozoico, del Precambriano, del Cenozoico, la paleoantropologia? Nulla. Tutte queste sono branche fondamentali della paleontologia minimamente legate alla dinomania.

    A mio avviso, la dinomania è una moda, un mito post-moderno, che parassitizza la paleontologia, ma che non ha nulla a che vedere con la paleontologia, intesa come scienza della vita del passato.

    Ovviamente, sei liberissimo di credere ai tuoi sacri comandamenti dinomaniaci, e continuare a credere che si debba sempre onorare Jurassic Park, le falsità scientifiche che propaganda, e la visione distorta della paleontologia che trasmette. Sia chiaro, è un film che adoro, ma, a differenza di quello che scrivi, è solo un film, e non è né scienza, né la salvezza della scienza.

    RispondiElimina
  4. CHe bel post, molto divertente! (non son sarcastico!)
    Dirò i miei modestissimi pareri e opinioni personali sui 10 Comandamenti
    I - I Fossili sono Esseri Viventi, e come tali vanno visti.
    Rispondo con 1 tuo post di theropoda
    I fossili non sono animali esistenti nella vita reale: sono solo ipotesi paleontologiche, modelli interpretativi di tracce fossili, e non hanno quel grado di realtà da meritare un termine colloquiale. Usare “raptor” significa essere già passati dalla Scienza alla mitologia, perché implica più o meno consapevolmente la confidenza di avere di fronte un animale reale, certo, oggettivo, che invece non esiste.
    QUOTONE ASSOLUTO
    II - Non avrai altra fonte all’infuori della Rete.
    Non ho capito che significa...
    III - Onora Jurassic Park ed il Mondo Perduto.
    Sinceramente io ODIO la trilogia di jp
    IV - Non ti curerai dei dati e delle fonti scientifiche, tranne quando andranno contro i 10 Comandamenti.
    ANche questo non ho capito...
    V - Non ti servirai della matematica e della fisica, tranne quando dovrai parlare del dinosauro più grosso, più lungo o più veloce.
    Chi fa veramente così è 1 sminuisce la matematica a "sistema di misura" per soddisfare la sua PARANOIA FALLICA
    VI - Ti farai degli idoli iconografici e li venererai contro ogni evidenza.
    Cos'è il T. rex nella cultura popolare se non questo?
    VII - Jack Horner è Satana quando parla di Tyrannosaurus, ma è un Santo quando parla di altro.
    Non ho mai avuto il piacere e l'onore di incontrarlo... secondo me è 1 furbacchione, perché neanche lui ci crede alla sua ipotesi "T. rex ESCLUSIVAMENTE saprofago" L'ha scritta solo x fare soldi (riscendoci!), e riuscendo pure a far credere agli altri che lui ci crede veramente, facendosì così pubblicità
    Horner, la prego di perdonarmi se ciò che ho scritto non corrisponde a verità
    VIII - Non desiderare di leggere direttamente un articolo scientifico, ma lascia ad un Sacerdote devoto a Dinomania il compito di insegnarti la buona novella.
    DObbiamo andar NOI a pescare! Non aspettiamo che qualcuno ci porti il pesce già pure cucinato! Così diventiamo pigri!
    IX - Abbonda nelle analogie con i mammiferi attuali, e disprezza le omologie con gli uccelli.
    Questo è lo schifo che propone jurassic fight club e simili
    http://theropoda.blogspot.com/2009/03/cosa-penso-di-jurassic-fight-club.html
    La stessa parola "omologia" dimostra quanto dobbiam fidarci degli uccelli: le caratteristiche son omologhe, NON ANALOGHE!
    X - La Tua Opinione è sacra ed intoccabile, giusta e meritevole di essere ascoltata, anche quando è palesemente scorretta, evidentemente obsoleta, ignorante dei dati e metodologicamente insostenibile.
    Va beh, x semplice rispetto direi: ognuno può dir quello che vuole, io posso anche dire che i teropodi avessero proboscidi usate x uccider le prede al posto dei genitali (o.O), o che gli pterosauri vivessero sottoterra... Chi vuole ascoltarmi mi ascolti, chi vuole credermi mi creda, poi ognuno fa quello che vuole (nel frattempo che non danneggia gli altri)

    CITAZIONE
    I dinomaniaci morirebbero senza paleontologia, non il contrario.
    RISPOSTA
    1 delle frasi + intelligenti del post
    Pensate ai palentologi che lo son diventati PRIMA di quel barattolo commerciale che è jp (1993)...
    Ce ne eran a frotte!!! Sereno, Stromer, Marsh&Cope, Currie, Horner, Paul, il sacrosanto BOB BAKKER e il mitico JOHN OSTROM (1 giorno ti incontreremo, John! :D)
    CITAZIONE
    Jurassic Park non ha avvicinato le persone alla materia, esattamente come ER non ha avvicinato le persone alla medicina, o Star Trek all'astronomia, o i Puffi alla storia medievale. Non confondere una moda di massa indotta da una sapiente operazione di mercato editoriale e cinematografico con la vera passione paleontologica. Non invertire cause ed effetti. La grandissima maggioranza dei milioni di appassionati di finti dinosauri di celluloide non sono diventati paleontologi
    RISPOSTA
    DIO SANTO, quanta ragione hai ANdrea! (Non ti sto venerando, ma moltissime volte mi trovo d'accordo con te)
    I puffi.... XD
    Ragazzi, sappiate 1 cosa: aspettate che le generazioni che eran bambini ai tempi di jp (anni 90) diventin grandi: chi di loro diventerà paleontologo? NESSUNO!!!!
    (Tranne qualche volenteroso sul forum di jpitalia, a cui faccio i miei auguri di cuore (in bocca al lupo, saurornitolestine canadese! SPero che il tuo sogno diventi realtà!)
    ASpettiam 10-20 anni, chi di loro sarà un paleontologo? Nel migliore dei casi avrà abbandonato la passione, nel peggiore sarà 1 pseudo-fanatico di preistoria intento a giocar a warpath o robe simili
    Chiedo a tutti colore che ho offeso involontariamente di perdonarmi, ma questo lo dovevo dire

    RispondiElimina
  5. Spiegazioni per Fabrizio:
    "II - Non avrai altra fonte all’infuori della Rete."
    Il dinomaniaco attuale si basa (quasi) esclusivamente su ciò che ricava dalla rete. La sua fonte principale è internet, e non ricava le informazioni dall'UNICA vera fonte della paleontologia, ovvero, le pubblicazioni scientifiche. Se ciò è una scusante per i più giovani, che possono non avere nozioni sufficienti per comprendere testi tecnici, non è valido per chi, appassionato di dinosauri da decenni, avrebbe potuto studiare in modo serio. Dico ciò con cognizione di causa. Non è necessario essere laureati o professori per diventare validi appassionati di dinosauri. Un mio caro amico, che di mestiere non ha niente a che vedere coi dinosauri, è tra le persone più competenti in Italia in materia di dinosauri.

    "IV - Non ti curerai dei dati e delle fonti scientifiche, tranne quando andranno contro i 10 Comandamenti."

    Si ricollega all'altro comandamento che ho appena spiegato: il dinomaniaco non è veramente interessato ai dati scientifici originali, tranne quando questi dati smentiscono o contrastano le sue amate "verità" dettate dai 10 comandamenti.

    Esempio:
    Se i dati smentiscono che Tyrannosaurus fosse come quello di Jurassic Park, allora il dinomaniaco vuole sapere (grossolanamente) cosa dice tale studio. Oppure, se i dati dimostrano che i dromeosauri sono pennuti, esso vorrà mettere in dubbio tali dati scientifici, per salvare la sua amata icona squamata. In tutti gli altri casi, il dinomaniaco si disinteressa dei dati da cui originano le ipotesi, ma si limita a leggere le brevi vulgate che scarica dalla rete, in maniera acritica. Infatti, qualche dinomaniaco discute mai quali dati sostengano l'evoluzione dei compsognatidi, dei coelophysoidi, l'anatomia vertebrale dei tetanuri basali, la distribuzione stratigrafica degli enantiorniti? Assolutamente no. Le loro rare sortite nei dati diretti sono quando si dimostra la velocità non esagerata di Tyrannosaurus, la etologia non spettacolare di Velociraptor o la massa non colossale di certi tetanuri... Allora sì che si infervorano e pretendono che i paleontologi mostrino i dati.

    RispondiElimina
  6. Mio parere assolutamente personale: trovo ridicolo il post di "Un Dinomaniaco", come è ridicola la posizione di chi, come lui, usa un film per capire la scienza.
    Ora, Jurassic Park è, come giustamente ha fatto notare Andrea, un film. Quindi è una forma d'arte, espressione di un sentimento, di un concetto, di una tematica sotto un'ottica più soggettiva ed interiore che razionale e scientifica. Essendo poi un film di FANTAscienza, figuriamoci se può essere un buon mezzo per analizzare una disciplina che va ben al di là dei suoi obiettivi(artistici ed economici). Citare JP in una discussione scientifica, difenderne le ricostruzioni, mettere in discussione ciò che ci dice l'interpretazione più oggettiva possibile della REALTA', è una cosa stupida, perchè in una forma d'arte non prettamente scientifica la concretezza degli elementi che si muovono nella storia, la loro credibilità, il loro stesso essere vengono subordinati al messaggio che devono comunicare. A volte si tratta di situazioni che vengono ingigantite, esasperate, per evidenziare un significato(mi vengono in mente diverse gags dei Simpsons), in Jurassic Park sono gli animali ad essere plasmati per questa o quell'esigenza, a volte artistica, altre funzionale(le zampe posteriori robustissime per reggere l'animatronic del rex...), altre prettamente economiche/commerciali(qualcuno mi sussurra raptor!). Una delle chiavi di successo di un'opera d'arte, sia essa un film, un libro, una serie tv, un'incisione su una mozzarella(non guardatemi così, io le faccio spesso u.u)è ottenere un buon mix tra realtà e fantasia, rendere plausibile l'incredibile, la "Suspension of Disbelief" che rende terrificantemente concreto un film colmo di scene irreali come "Cloverfield". Ora, è normale che dopo 16 anni Jurassic Park abbia perso questa capacità di sospendere l'incredulità, ed ecco che i due campi, scienza ed arte, si sovrappongono: viene rivisto, sminuzzato ed analizzato dal punto di vista scientifico, ma questo alla fine spinge chi lo ama(probabilmente per difendere qualcosa che gli sta troppo a cuore)a trovare giustificazioni assurde, ad arroccarsi dietro alibi impensabili(e qui su questo blog ne abbiamo avuti, di esempi...). Io amo Jurassic Park, e non ho problemi ad ammettere che i suoi Dinosauri siano credibili quanto la storia dei preservativi che non salvano le vite(Ratzinger yahoo!), non capisco perchè tante altre persone non debbano avere questa forza, ammorbando di fatto il lavoro duro e faticoso di un sacco di gente che su certe cose si spacca il culo sul serio. Semmai si può discutere sull'atteggiamento ridicolo tenuto da chi ha fatto JP, per cui "i Dinosauri sono i più fedeli alla scienza di sempre" e blablabla, basta vedere il Making Of per rendersene conto. Chissà, magari è per questo che i dinomaniaci cercano di cacciare così a forza JP in gola al discorso paleontologia dei Dinosauri, perchè chi lo produce dice, in maniera ipocrita, che è stato fedele alla scienza. Preferisco di molto l'atteggiamento che ha Primeval, che fin da ll'inizio ha dichiarato che avrebbe ignorato il realismo quando necessario per questa e quella ragione. Mi piace usare una frase per me validissima in un mondo soggettivo come quello dell'arte(e che in ambito scientifico sarebbe ridicola): "non importa se un cappello ti sta male, l'importante è far vedere di averlo messo indosso di proposito". Probabilmente è la ragione per cui Jurassic Park finisce sempre in queste discussioni e Primeval no(per quanto sia mille volte meglio di Jurassic Park). Insomma, sradicate la vostra mentalità superficiale! Amare qualcosa non significa rifiutarsi ostinatamente di riconoscerne i difetti... E soprattutto, basta mescolare ciò che ci mostra l'arte con ciò che la scienza dice!
    La paleontologia può continuare benissimo senza la passione amatoriale per i Dinosauri. Come dice Andrea, questa invece non sarebbe neppure mai nata senza la paleontologia. Dovresti essere tu(Un Dinomaniaco)riconoscente ad una branca della paleontologia che non solo cerca di far luce sul Tempo Profondo, ma dà anche spunti a chi, come me(o Spielberg, o Hodges ed Haines)vive la dimensione soggettiva dell'arte.*

    *Nel mio caso va aggiunto "anche", perchè la mia vena UltRazionale mi consente una netta e precisa divisione tra la visione scientifica, che mi fa da obiettivo in quasi ogni momento della mia vita, a degli abbandoni legati ai simboli quando scrivo fantascienza. Una capacità che i dinomaniaci sembrano non avere. XD

    RispondiElimina
  7. Dire che sono meravigliato da tanta arroganza nei confronti dei cosiddetti "dinomaniaci" è dir poco. Se la comunità scientifica italiana usa questi termini nei confronti di quella parte di popolazione che chiama "ignorante", siamo alla frutta... con tutto rispetto, anche io sono una cima in chimica, ma quando devo riprendere uno che spara una cavolata o che dice assurdità assumo mica il ruolo di "so-tutto-io".
    Cercate di abbassarvi a livello di quelli che ne sanno di meno, nel giusto modo. Lo dico per il bene di tutti; diffondere la propria passione, nel giusto modo, sarebbe la via più giusta da intraprendere... anche nei confronti dei "dinomaniaci".

    RispondiElimina
  8. Anonimo,

    se sei lo stesso anonimo di prima, ti rispondo solo così:

    1- Chi pretende di essere ascoltato ma non ha la maturità ed il coraggio di firmarsi non meriterebbe alcuna risposta. Da "Anonimo" siamo tutti bravi a criticare.

    2- E' evidente che non hai capito minimamente il senso del mio post. Io non critico la passione per i dinosauri, dato che anche io sono cresciuto con tale passione. Io critico fortemente la degenerazione della paleontologia dei dinosauri che viene diffusa e propagandata da questi "appassionati" che pensano solo a commentare le false ipotesi diffuse da Jurassic Park (bellissimo film ma purtroppo citato come fonte di verità scientifiche da molti non esperti) o Jurassic Fight Club.

    La mia critica è quella di chi ama la paleontologia seria, frutto di studi e ricerche, fondata su dati scientifici, che si apprende con studio e dedizione, con ricerca delle fonti originarie e NON da film, romanzi, documentari spettacolarizzanti di serie B, forum in rete o Wikipedia.

    Tu sei liberissimo di pensare che io sia arrogante, ma è un dato di fatto che quelli come te, che si nascondono dietro l'anonimato, che evidentemente non hanno la voglia e la passione per studiare veramente paleontologia (perché in tal caso avresti pienamente compreso il senso del mio post, invece di piagnucolare come se la dinomania fosse sacra ed intoccabile), e che idolatrano gli errori divulgati in rete e al cinema.

    Comunque, se non hai nemmeno il fegato di firmarti, evita pure di commentare, la prossima volta non risponderò. Firmarsi è segno di maturità e rispetto, oltre che di forza, perché dimostra che si ha la fiducia in ciò che si scrive. Evidentemente, ci tieni a parlare, ma non ad essere considerato adulto.

    Prova a rileggere tutto il post, ed i commenti. Forse ti renderai conto di cosa è la dinomania vista da chi non lo è.

    RispondiElimina
  9. Ti accontento! donnie86dc@libero.it
    Non ho mica timore di mettermi a discutere con te su temi così banali come l'essere o meno arroganti.

    Rimango comunque della mia opinione.
    Se vuoi, fatti sentire, una chiacchierata con uno che non la pensa come te non guasta mai!

    P.S.: non so chi sia l'anonimo di cui parli, ma non sono io.
    Ora hai il mio indirizzo. Se vuoi...

    RispondiElimina
  10. Anonimo n°2, ovvero donnie86,

    non ho interesse a discutere via mail in privato con te (anche perché sembri metterla troppo sul personale, e data la futilità del tema, mi pare assurdo), mi basta che tu e tutti gli altri anonimi abbiate l'onestà di firmarvi quando esprimete un commento su questo blog. Per correttezza verso gli altri.
    Per il resto, sei liberissimo di mantenere le tue opinioni. Sinceramente, trovo infantile questo tuo accanimento su questo post, volutamente ironico. Forse, ho parlato di qualcosa che non è criticabile perché sacro? Non mi pare proprio che fare la parodia di una mania sia un peccato mortale. Dovresti essere più aperto mentalmente e sopratutto, ricordare che se esistono dei "dinosauri" a cui tu dedichi tanto amore lo devi ai paleontologi che fanno ricerca seria, non certo a Spielberg & co.

    In ogni caso, non mi pare di essere stato arrogante: altri lettori di questo blog, che non sono paleontologi, hanno trovato divertente questo post.

    RispondiElimina
  11. Non mi piace litigare con nessuno, affatto.
    Il mio commento non era accanito (e mi chiedo da cosa lo deduci, ho semplicemente dato un consiglio, poi puoi vederla come vuoi...). Grazie per avermi dato del bambino ("Sinceramente trovo infantile questo.."), del dinomaniaco ("[...]invece di piagnucolare come se la dinomania fosse sacra ed intoccabile), e che idolatrano gli errori divulgati in rete al cinema") quando non lo sono affatto, e dell'arretrato ("Dovresti essere più aperto mentalmente"), quando neanche mi conosci. Se non mi sono firmato nel primo commento un motivo c'è; ti ho dato occasione per parlare con me, ma non hai voluto, e mi par di capire (ma magari mi sbaglio) che non sapresti dimostrarmi che ho torto sull'arroganza di alcune tue "uscite": si può essere istruiti e molto umili al contempo, affrontare certi fenomeni con rigore adatto e con buonsenso. Se il buonsenso per te sta nel deridere dei bambini di 13-17 anni che amano fantasticare sui dinosauri perché ancora oggi va di moda, fai pure, cosa posso dirti. Però tieni conto che nel frattempo hai inserito anche me nella categoria e con me tanti altri che non sono "dinomaniaci" ma che frequentano del web che tu classifichi tale (non con pretesa di voler essere "scientificamente corretti", ma solo con la voglia di specularci un pò su magari) perché non hanno possibilità alternative. Non aver paura delle parole dei ragazzini di 14 anni sui dinosauri, abbi paura di quello che viene pubblicato dalle riviste, che spesso fa accapponare la pelle.
    Avresti potuto renderti conto delle mie semplicissime motivazioni con una breve chiacchierata, non hai voluto... va bene lo stesso. In fondo ci tenevo solo a dire, se posso (visto che a quanto pare una persona non può dire all'autore del blog "secondo me non è così" - o almeno nel mio caso è stato così), che le critiche se devono essere fatte, devono essere costruttive, e non delle semplici prese in giro.
    Non sono dinomaniaco, avrei voluto studiare paleontologia come te e gli altri, ma purtroppo, per tutta una serie di coincidenze sfortunate non ho potuto. Ti ringrazio quindi per il tuo "quelli come te, che si nascondono dietro l'anonimato, che evidentemente non hanno la voglia e la passione per studiare veramente paleontologia (perché in tal caso avresti pienamente compreso il senso del mio post, invece di..." (non vorrei mai dire che mi hai offeso veramente, altrimenti sì che pensi che voglia fare la vittima... lasciamo stare). Mi hai fatto capire che parli ancor prima di lasciare che gli altri si spieghino, perché non tutti quelli come te (intendo gli altri studiosi di questo settore), secondo il mio modesto parere, hanno la stessa visione che hai tu: quindi quello che hai detto tu qui (ma non solo in questo post eh) non è la sacrosanta verità: io leggo Jurassic Park, guardo il film, ho amici tra quelli che tu chiami dinomaniaci, eppure non sono un dinomaniaco.

    Ci tengo a ripetere, e qui finisco sto commento noioso, che non voglio fare la vittima (perché non mi piace affatto) e che qui ti ho scritto quello che avrei voluto dirti via email. Ma, visto che mi considererai comunque un "bimbominkia dinomaniaco", ti ringrazio.

    P.S.: alcuni di quelli che commentano nei tuoi blog... appartenevano fino a non molto tempo fa alla categoria di quelli che tu chiami "dinomaniaci": mi fa piacere vedere come, dalla sera alla mattina il loro pensiero sia mutato così improvvisamente.

    Donnie.

    RispondiElimina
  12. Mah, io penso che i musei ci siano anche per i bimbetti!

    Non credo che esista una scienza con lo stesso potenziale immaginifico che ha la paleontologia. Altrimenti non si spiegherebbero tutto il merchandise che c'è in giro...

    Se si scopre un nuovo batterio esso passa inosservato, mentre se scopre un nuovo dinosauro esso balza agli onori della cronaca.

    RispondiElimina
  13. Dimostrazione del fatto che non c'è arroganza nelle mie uscite: se fossi arrogante non ti avrei degnato di alcuna risposta, ritenendoti un immaturo bamboccio permaloso. Invece, il fatto che stia qui a esporre pubblicamente la mia risposta, in modo che tu e chiunque altro possa leggerla, evidenzia il fatto che ho profondo rispetto dell'intelligenza di chi legge questo post, anche se non condivide le mie parole o il tono con cui le esprimo.

    Quanto (pseudo)vittimismo inutile, Donnie.

    Hai pienamente ragione, il tuo commento è noioso.

    Aggiungo, esso è totalmente fuori tema. Fuori tema rispetto al post e fuori tema rispetto ai commenti.
    Inoltre, il fatto che tu citi ed alludi a persone e fatti che nemmeno conosco (ho mai citato categorie di età? persone o gruppi in particolare? di colpo scopro che "dino-maniaco" non è una mia invenzione ma una categoria reale?), dimostra che hai totalmente frainteso il post, il quale vuole solo sottolineare la poca scientificità di molte discussioni in rete sui dinosauri (è un dato di fatto, che ti piaccia o meno).
    Con ciò, non significa che abbia indetto una crociata per abolire le discussioni dinomaniache: ognuno è libero di parlare o meno di dinosauri, ci mancherebbe. Io non ho scritto il post per sfottere degli adolescenti. Forse hai una leggera coda di paglia, o sei così suscettibile da non riuscire a tollerare che, casualmente, il mio post toccava nel vivo un tuo nervo scoperto?
    Se lo leggi così, purtroppo, non hai capito niente del post.

    Non so cosa pensassero alcuni miei lettori (che tu sembri conoscere) prima di commentare in questo blog, né mi interessa. Affari loro. Se davvero han cambiato mentalità, beh, meglio così.

    Infine, scusa l'ignoranza...

    ...cos'è un "bimbominkia"?

    RispondiElimina
  14. http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Bimbominkia

    RispondiElimina
  15. Chiedo scusa ad Andrea se porto avanti il piccolo off topic aperto da Donnie, ma mi sento chiamato in causa(e non certo per coda di paglia, guizzo di sicuro passato nella testa del destinatario di questo post, ma perchè ho una certa consapevolezza delle critiche soffusamente rivolte da Donnie a certi frequentatori dei due blog)e ci tengo a rispondere, brevemente.
    A me fa piacere vedere come cinque mesi(anche se in realtà certi cambiamenti di idee puoi pure farli risalire a settembre, e sono NOVE mesi)possano essere definiti con un "dalla sera alla mattina", come se fossero 7 o 8 misere ore. Donnie(mi rivolgo direttamente, senza velarmi dietro il generico e il vago...), non so quante cose succedano a te in cinque o nove mesi, se sei protetto da una sorta di membrana anti-cambiamenti o se ti consideri già abbastanza "arrivato" dal rifiutarti di modificare qualcosa nel tuo modo di pensare, ma per quel che mi riguarda mesi interi sono un periodo più che sufficiente anche per ribaltarla, l'ottica di un essere umano, se non è incatenato a dogmi imbecilli ovviamente(e con questo non mi riferisco a quasi nessuna delle persone che hanno commentato questo post, sia ben chiaro...). Inoltre, anche se così non fosse, anche se ieri notte fossi andato a dormire con un'idea e stamattina mi fossi svegliato con un'altra, a me sembra che l'argomento sia stato tirato in ballo giusto per fortificare retoricamente una posizione(la tua)con cui Andrea aveva dissentito, con tanto di uso del cambiamento di idea(sintomo del successo di ciò che scrive Andrea, evidentemente è piuttosto convincente...)come una specie di accusa di incoerenza nei miei confronti, che ho supportato la SUA tesi.
    Francamente, è ridicolo.
    Vabeh... E' tipico di un certo gruppo di persone di mia conoscenza rigirare i gesti degli altri per cercare di muovere accuse che suonano più di moralismo idiota che di critica concreta. Spero che non ammorbiate più questa discussione con quest'atteggiamento. Mi scuso ancora con Andrea; per me, finisce qui.

    RispondiElimina
  16. "di colpo scopro che "dino-maniaco" non è una mia invenzione ma una categoria reale?"
    Sono senza parole
    http://dinomaniac.deviantart.com/

    RispondiElimina
  17. Non confondiamo Ville Sinkkonen, che si firma Dinomaniac, con i dinomaniaci oggetti di questo post.

    Ville è un appassionato serio di dinosauri, un ottimo illustratore paleontologico, sempre rigoroso dal punto di vista scientifico.

    Il termine "dinomania" esisteva già prima di questi miei post, ma non nell'accezione sarcastica che gli ho dato io sul blog.

    RispondiElimina
  18. Allora mi sa proprio ke ho preso. Se è davvero come dici andrea, allora ville sinkkonen si merita tutto il mio rispetto

    RispondiElimina
  19. Volevo dire
    mi sa proprio ke ho preso un granchio. Se è davvero come dici andrea, allora ville sinkkonen si merita tutto il mio rispetto
    E per sbaglio ho cliccato su anonimo (anche nel post sui laici)

    RispondiElimina

-I COMMENTI ANONIMI SARANNO ELIMINATI